fbpx
+39 366.3691972 info@leviedellaguarigione.it

Che cos'è lo Yoga e a cosa serve

persona durante un meditazione di yogaYoga deriva dalla parola sanscrita Yuj che significa “unire, legare e mettere insieme”. In senso più ampio e spirituale significa “unione del sé individuale con il sé cosmico/universale, la vera unione della volontà individuale con la volontà di Dio/Universo”. Ad un livello più pratico yoga significa equilibrare e armonizzare tutti gli aspetti dell’individuo: corpo, mente ed emozioni; possibile attraverso la pratica di asana, pranayama, mudra, bandha, shatkarma, kriya, mantra e meditazione. 

La scienza dello yoga inizia lavorando sulle parti più esterne della personalità dell’individuo, il corpo fisico, il quale per molte persone è un punto di partenza pratico e familiare sul quale iniziare. Quando il disequilibrio è sperimentato a questo livello, gli organi, i muscoli e i nervi non funzionano più in maniera armonica, essi lavorano in opposizione l’uno all’altro. A questo punto è possibile sperimentare anche un disequilibrio nel sistema endocrino e l’efficienza del sistema nervoso diminuisce aumentando la possibilità del manifestarsi di una malattia. Lo scopo dello yoga è di riportare e mantenere le diverse funzioni del corpo in una perfetta coordinazione affinché lavorino per la salute dello stesso.

Dal corpo fisico lo yoga si muove a livello mentale ed emozionale. Molte persone soffrono di fobie e paure come conseguenza di stressanti interazioni giornaliere. Lo yoga non fornisce una cura per la vita, ma presenta un metodo consolidato e certificato per reggere e affrontare le sfide in salute e con una mente positiva. Attraverso la pratica si sviluppa la consapevolezza dell’interazione tra livello emozionale, mentale e fisico. Gradualmente questa consapevolezza conduce ad una comprensione di come questi livelli interagiscono e si influenzano, e ad una comprensione più sottile delle aree dell’esistenza.

Quando il corpo è in salute, la mente e le emozioni sono equilibrate lo yoga inizia ad assumere uno scopo più elevato: l’unione del Sé individuale (Jiva) con l’Assoluto (Brahman) liberando l’individuo da ogni senso di separazione, dall’illusione dello spazio e del tempo. Lo yoga in questo concetto più espanso è Unione con il Tutto.

“La pratica non è solo sul tappetino… la pratica è nella vita. Umiltà, Amore, Consapevolezza… Unione è Yoga. Yoga non significa non cadere e non sbagliare. Yoga è ciò che ti ricorda ogni giorno di rialzarti, di riprovarci, di non giudicare, di metterti in gioco con tutti i tuoi lati luce e ombra… di accettarti così come sei e di migliorarti ogni giorno secondo le tue possibilità. Cammina sempre ricordandoti che vali e che hai sicuramente un dono che può essere d’aiuto a questa terra e ai suoi abitanti.”

I quattro rami fondamentali che racchiudo lo Yoga

1

Karma Yoga

Lo yoga dell’azione, del servizio disinteressato offrendo i frutti delle proprie azioni e lavori a Dio senza alcun pensiero di ricompensa personale. Cercando di aiutare tutte le forme di vita che ci circondano, esseri umani, animali, il pianeta… il cuore si espande distruggendo l’egoismo e realizzando l’Unicità.
2

Bhakti Yoga

Lo yoga della devozione. Attraverso la preghiera, il canto e i mantra si trasformano le emozioni negative in energia creativa e si sviluppa l’amore cosmico.
3

Raja Yoga

Lo yoga del controllo della mente, l’approccio scientifico. Attraverso pratiche e tecniche specifiche si porta la mente sotto il proprio controllo smettendo di esserne succubi, imparando a muovere l’energia a favore della crescita e della salute. Lo Raja Yoga si può dividere in 2 percorsi principali: Hatha Yoga e Kundalini Yoga.
4

Jnana Yoga

Lo yoga della conoscenza, l’approccio filosofico e intellettuale all’evoluzione spirituale. È il percorso più difficile da realizzare, bisogna essere ben saldi e radicati nelle altre discipline, padroneggiare le proprie emozioni e sviluppare una costante ricerca (vicara), autoanalisi (viveka-discriminazione tra ciò che è reale e tra ciò che è irreale) e distacco (vairagya).

I benefici dello Yoga

grandi maestri yogaSwami Vishnudevananda, allievo illustre del grande maestro Swami Sivananda, descrive il sistema dello yoga in un programma basato su principi di “vita semplice e pensiero elevato” in cinque punti principali che in chiave metaforica sono gli stessi cinque punti principali di un altro veicolo: l’automobile. 

Per funzionare al meglio ha bisogno di cinque cose: un sistema lubrificante, una batteria, un sistema di raffreddamento, carburante e un guidatore responsabile al volante.

1

Il giusto esercizio – Asana​

Agisce da routine lubrificante per giunture, muscoli, legamenti, tendini e altre parti del corpo, aumentando la circolazione e la flessibilità.
2

La giusta respirazione – Pranayama

Aiuta il corpo a collegarsi con la propria batteria, il plesso solare, dove è conservata una straordinaria quantità di energia. Sono tecniche specifiche di respirazione yogica atte ad aumentare l’energia vitale fornendo ringiovanimento fisico e mentale.
3

Il giusto rilassamento – Savasana

Raffredda il sistema, come il radiatore di una macchina. Quando corpo e mente sono continuamente sottoposti ad una fatica eccessiva la loro efficienza diminuisce. Il rilassamento è il sistema naturale per ricaricare il corpo.
4

La giusta dieta – Vegetariana

Fornisce il carburante più idoneo per il corpo. Ogni alimento che riceve direttamente energia dal sistema solare è più carico di energia vitale.
5

Il Pensiero positivo e la Meditazione

Purificano la mente aumentando la capacità di controllo, consapevolezza formando un guidatore responsabile.

Corsi Yoga Settimanali presso il nostro centro
"Pachamama te Habla" a Sarnano

Chiudi il menu